Compensazione acconto IRPEF – Codici tributo

Codici tributo compensazione eccedenza IRPEFCon la Risoluzione n. 117/E l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per permettere a coloro che hanno pagato il secondo acconto per intero, quindi senza usufruire del differimento del 17% delle tasse (leggi il mio articolo al riguardo), di compensare la differenza pagata in eccesso con altre imposte.

Riporto brevemente le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate sull’uso dei codici tributo:

  • 1797” per utilizzare il credito versato in eccedenza da parte dei CONTRIBUENTI MINIMI;
  • 1844” per utilizzare l’eccedenza versata per l’acconto della CEDOLARE SECCA;
  • 4035” da utilizzare per coloro che hanno versato in eccedenza l’IRPEF.

In sede di compilazione del modello F24, i suddetti codici sono esposti nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a credito compensati”, indicando, come “anno di riferimento” l’anno d’imposta cui si riferisce il credito.

Esempio F24 per compensazione tributi

Leggi qui la Risoluzione n. 117/E dell’Agenzia delle Entrate

0

1 commento

  1. ottimo, da tenerne conto. tanto so che ci pensi tu per me XD

    Rispondi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>