Seleziona una pagina

Meet Magento Italy 2016, un evento dedicato al commercio in generale e non solo al commercio elettronico potrei scrivere, sebbene l’appuntamento annuale segua principalmente l’evoluzione di una delle piattaforme software più diffuse per l’implementazione del commercio digitale. L’evento si è tenuto il 3 e 4 marzo a Milano.

Meet Magento Italy 2016

Cosa ci fa un commercialista ad un evento dedicato, almeno sulla carta, a sviluppatori e/o commercianti che vendono tramite il web? Per questo devo ringraziare Andrea Saccà, uno dei supporter dell’evento tramite il suo portale Magentiamo. Andrea mi ha indicato come l’appuntamento non prevedesse solo una cosiddetta ‘Tech track’ per tecnici ma anche una ‘Business track’ dedicata alle tematiche più generali ma ugualmente interessanti come marketplace, i numeri di questo business e l’andamento del mercato. Inutile dirti quale dei percorsi abbia scelto. In questo post riporto alcune mie considerazioni sui temi che ho seguito.

Il commercio elettronico è in crescita costante

Meet Magento Italy

I numeri dell’ecommerce nel mondo

Ho già avuto modo di scrivere in altri post di come il commercio elettronico sia in fase crescente. E’ giusto che sia così e da un certo punto di vista è solo lo specchio dei tempi che viviamo. Il commercio elettronico è commercio, scambi di beni e servizi che avvengono attraverso la rete internet. In epoca moderna è ormai impensabile, per moltissime attività, non disporre di una connessione.

Il problema non è più se sia disponibile internet ma se la città o il Paese in cui viviamo sia dotato di connessioni veloci per permettere allo scambio di informazioni di essere più veloce. I canali di comunicazione di uno Stato, siano essi le strade percorse da mezzi di locomozione siano essi i canali su cui viaggiano le informazioni, determinano la capacità di un Paese di stare al passo con quella che di fatto, è l’era della comunicazione.

Come si piazza l’Italia nel mercato globale? Siamo assolutamente lontani dai migliori cinque del commercio elettronico, top five in cui spiccano il Regno Unito e la Germania. Possiamo consolarci però con il fatto che siamo uno dei Paesi emergenti, uno degli Stati che vede la percentuale di transazioni ecommerce aumentare più degli altri rispetto ai dati passati. A livello globale i top player sono la Cina e gli Stati Uniti con un giro di affari derivante dallo scambio di beni online di 500 milioni di dollari per la prima e di 460 milioni di dollari per i secondi.

Il mercato mobile è il futuro, se non il presente

Meet Magento Italy

Offline vs Online

Chi si occupa di commercio elettronico deve tener presente la quantità di smartphone posseduti dalle persone. Persone che costituiscono potenziali clienti per il proprio business. Quasi tutti abbiamo uno smartphone e abbiamo la possibilità di navigare online direttamente da questi dispositivi senza dover accendere un computer.
Usiamo il cellulare per navigare in rete per reperire informazioni su un marchio o su un prodotto che vogliamo acquistare o ancora navighiamo siti che permettono l’agevole confronto tra più modelli per scegliere quello con le caratteristiche migliori per noi o semplicemente il prezzo più basso.

Ricerche di mercato indicano che i volumi di vendita dei tablet stanno gradualmente ma inesorabilmente calando. I telefoni cellulari permettono di fare le stesse cose pagando il piccolo dazio di avere uno schermo più piccolo anche se alcuni modelli hanno schermi da 5,5 pollici e vi è la possibilità di collegarli a schermi più grandi come le tv. E’ un dato secondo me più interessante di quello che potrebbe sembrare a prima vista perché la capacità degli imprenditori di creare dei siti completamente ottimizzati per il mobile può rendere l’esperienza utente molto più piacevole, aumentando la propensione all’acquisto.

Pensiamo ad un prodotto, prendiamo lo smartphone che abbiamo sempre con noi e navighiamo per cercare informazioni. Abbiamo identificato cosa vogliamo comprare e clicchiamo i link di due o tre siti che offrono prezzi simili per verificare le condizioni di vendita e di consegna (viva il multitasking). Cosa credi possa succedere se solo uno su tre è ottimizzato per mobile? Con ogni probabilità continuerò l’acquisto sul sito che mi offre la migliore esperienza e non ho usato questo termine a caso.

 

Nuovi spazi di vendita e nuove politiche commerciali

Meet Magento Italy

Quali canali scegliere per i diversi mercati?

Se sei uno degli attori del web sai benissimo cosa sono i marketplace come Amazon e Ebay, per citarne due dei più grandi. Vendere online infatti non significa solo avere il proprio sito web di commercio elettronico ma potrebbe significare sfruttare questi nuovi spazi di vendita. Un consiglio che posso darti e quello di non improvvisare. Molti dei relatori che hanno parlato al Meet Magento Italy 2016 erano persone con anni di esperienza in aziende prima di mettersi in proprio creando le proprie startup.

La possibilità di vendere beni e servizi in un mercato globale aumenta la tua clientela potenziale ma aumenta anche la concorrenza. Non basta inserire prodotti in Amazon perché questi vendano, la concorrenza è spietata. Pensa al mercato dei cellulari. Per ogni modello puoi visualizzare in una volta sola centinaia di offerte di venditori diversi presenti su tutto il globo. Il mio pensiero va quindi all’intervento sulle strategie di prezzo. Come indicato dal relatore pensare ai prezzi può essere meno attraente che pensare alle campagne pubblicitarie ma rientra sicuramente nei compiti che un bravo imprenditore deve assolvere.

Ci sono anche aspetti positivi nel mercato online? Certamente, basti pensare alla possibilità di gestire al meglio la comunicazione con costi più bassi rispetto ai canali tradizionali. Abbiamo tutti uno smartphone ma anche un indirizzo mail a cui mandare offerte personalizzate e talvolta completamente automatizzate.

Il commercio elettronico non deve essere inteso come qualcosa dedicato solo a chi opera nel web. Nulla vieta a commercianti ‘offline’ di affiancare alla propria vetrina fisica anche quella digitale. Il digitale stesso non deve essere inteso solo come una minaccia ma come un’opportunità in più per aumentare i propri profitti.
Tutto questo con consulenti che possano aiutare ad affrontare questo nuovo mondo tutto da scoprire.

Hai bisogno di aiuto per iniziare e far ingrandire la tua attività? Contatta il mio studio!

0